Bonus 2021: guida al risparmio

Mentre si aspettano i decreti attuativi che daranno forma ai vari bonus annunciati nell’ultima Legge di Bilancio, quali sono i contributi confermati e di cui puoi beneficiare nel 2021? Ecco tutti gli incentivi che ti permettono di risparmiare

Tutti i bonus annunciati dall’ultima Legge di Bilancio sono ancora lì, sulla carta. Ai vari provvedimenti annunciati a fine 2020 sulla manovra Finanziaria mancano infatti ancora i decreti attuativi, un passaggio fondamentale che permetterà di trasformarli in azioni concrete. Mentre si aspettano novità, abbiamo raccolto i bonus annunciati gli scorsi anni che sono già stati confermati e di cui puoi beneficiare nel corso del 2021. Vediamoli nel dettaglio.

Superbonus al 110%, c’è tempo fino al 2022

Tra le conferme di quest’anno c’è il Superbonus al 110%, l’agevolazione prevista dal decreto Rilancio e che permette di recuperare il 110% delle spese sostenute fino al 30 giugno 2022. Riguarda gli interventi di ristrutturazione in ambito di efficienza energetica e quelli antisismici, ma non solo. Rientrano anche i lavori di installazione di impianti fotovoltaici e di fornitura di colonnine di ricarica per i veicoli elettrici nei condomini. È stato inoltre prorogato di sei mesi il termine per chi esegue spese per lavori realizzati sulle parti comuni dei condomini composti da 2 a 4 unità immobiliari. C’è tempo fino al 31 dicembre 2022 ma solo se, al 30 giugno 2022, risulti realizzato almeno il 60% dell’intervento complessivo.

Bonus mobili ed elettrodomestici: aumentano i massimali

All’interno del pacchetto casa resta anche per il 2021 il bonus mobili, tuttavia con alcune modifiche. Quanto è possibile recuperare? Il bonus mobili ti permette di detrarre il 50% della spesa sostenuta per acquistare mobili ed elettrodomestici per una casa in ristrutturazione. In particolare il tetto di spesa massimo è passato dai 10.000 euro dell’anno scorso ai 16.000 euro di quest’anno. Tieni conto anche che, oltre alle spese relative all’acquisto, puoi detrarre anche quelle di montaggio e trasporto.

Bonus TV per adeguarsi ai nuovi standard di trasmissione

Grazie a uno stanziamento da 150 milioni di euro, prosegue il Bonus TV. L’incentivo, riservato alle famiglie con ISEE entro i 20.000 euro, è un contributo di 50 euro per l’acquisto di un nuovo televisore o di un decoder. L’operazione è pensata soprattutto per adeguare i device ai nuovi standard di trasmissione DVBT-2/HEVC operativi dal 2022.
Vuoi acquistare un nuovo televisore o un decoder per la tua vecchia TV? Presenta la richiesta al venditore utilizzando il modulo che trovi sul sito del Ministero per lo Sviluppo Economico. Ricorda inoltre che dovrai dichiarare di essere residente in Italia e di possedere i requisiti ISEE.

Fino a 160 euro al mese grazie all’assegno di natalità

Anche nel 2021 puoi contare sull’assegno di natalità, il cosiddetto Bonus bebè.
Il contributo viene corrisposto ai neo genitori italiani, comunitari o extracomunitari (in possesso di permesso di soggiorno) fino al compimento del primo anno di età del neonato. In caso di adozione o affidamento, l’anno viene conteggiato dal giorno di ingresso del minore nel nucleo familiare.
L’importo viene stabilito in base all’ISEE del tuo nucleo familiare e arriva fino a 160 euro al mese per il primo figlio. Ricorda di presentare domanda tramite il sito dell’Inps entro 90 giorni dalla nascita o dall’arrivo in famiglia di un figlio adottivo.

Bonus asilo nido per figli fino a 3 anni di età

Hai già sentito parlare del Bonus asilo nido? Si tratta di un contributo rivolto ai genitori di figli nati, adottati o affidati fino a 3 anni di età (compiuti tra gennaio e agosto 2021). Il bonus copre le spese per l’asilo nido o le spese relative ai supporti domiciliari. Il contributo supporta in particolare anche i servizi riservati ai bambini che non frequentano l’asilo perché affetti da gravi patologie.
Come per il Bonus bebè, anche gli importi del Bonus asilo nido vengono stabiliti in base all’ISEE. Per ottenere il contributo devi presentare domanda tramite il sito dell’Inps o rivolgendoti a un Patronato.
In entrambi i casi dovrai allegare la documentazione che attesti il pagamento delle singole rette.

Cambiare macchina grazie ai contributi del Bonus auto

Confermato anche per il 2021 il Bonus auto. Hai intenzione di acquistare una nuova auto a ridotto impatto ambientale? Per beneficiare del contributo dovrai rivolgerti direttamente a un concessionario. A seconda che rottami o meno la tua vecchia auto, avrai diritto a uno sconto maggiore.
Considera infine che per le nuove auto acquistate dal 1° gennaio 2021 è previsto anche un contributo aggiuntivo che viene riconosciuto dal venditore. Come riporta Il Sole 24 Ore, grazie allo stanziamento di 40 miliardi di euro è possibile usufruire di uno sconto di 3.500 euro per acquistare auto con CO2 comprese tra i 61 e i 135 g/km.

Puoi utilizzare il Bonus vacanze fino al 31 dicembre

Per chi lo ha richiesto lo scorso anno, arriva una nuova proroga del Bonus vacanze. Come ricorderai, il contributo era stato lanciato nel 2020 per supportare il settore turistico e aiutare le famiglie italiane. Il Bonus vacanze aveva anche segnato il battesimo dell’app IO.it diventata popolare grazie al Cashback di Stato.
Hai richiesto il contributo e non l’hai utilizzato? Hai tempo fino al 31 dicembre 2021. Ricorda che il bonus può essere utilizzato per soggiorni in hotel, agriturismo e bed and breakfast in tutta Italia.

Hai già utilizzato uno di questi bonus? Come hai trovato la procedura per richiederlo? Raccontaci la tua esperienza tra i commenti.

Per poter visualizzare i commenti devi accettare i cookie facoltativi, clicca qui per cambiare le tue impostazioni sui cookie.