Lo spazio sul vostro PC non basta più? Le soluzioni più facili e convenienti

Dagli hard disk esterni alle unità wifi, dai blocchi appunti avanzati alle soluzioni in cloud, come rendere potenzialmente illimitato il vostro archivio digitale

“Lo spazio sta per esaurirsi. Liberare l’unità”. È uno di quegli avvisi che, sui computer, suona come un ordine. Bisogna fermarsi e mettersi alla ricerca di file, immagini e video da eliminare, magari cancellando qualcosa alla quale teniamo. Altrimenti non potremo più salvare file, avremo difficoltà a navigare, non potremo installare nuovi programmi né effettuare gli aggiornamenti. È una paralisi fastidiosa, che però può essere evitata. Su VoceArancio ci siamo dati un obiettivo ambizioso: trovare le soluzioni che trasformino uno spazio finito (quello dei vostri dischi rigidi) in qualcosa di potenzialmente illimitato, spendendo il meno possibile. Dai supporti fisici come gli hard disk esterni, alle soluzioni in cloud, ecco la nostra guida per dare più spazio ai vostri archivi digitali.

Prima di tutto, risolvere l’emergenza. I siti ufficiali Microsoft e Apple hanno guide complete per liberare spazio, rispettivamente sul supporto tecnico Windows e su quello di Mac OS. Una dritta utile: cancellate i file temporanei degli aggiornamenti, spesso rimangono nel sistema e possono occupare centinaia di mega. Soprattutto nel mondo Windows, può diventare un incubo cancellare programmi che non utilizzate più,  perché diventa difficile distinguere driver (essenziali) da software installati per sbaglio. In questo caso Should I remove it? è un’applicazione in grado di spiegarvi se serve davvero ciò che state per rimuovere.

Un po’ di prevenzione: limitare l’uso di file e cartelle. Creare, salvare e archiviare. Tre azioni che, soprattutto per chi usa il computer da molto tempo, sono quasi un riflesso condizionato. Ma è anche il modo migliore per perdere file, foto, video, dimenticarli in sottocartelle di cui si ignora l’esistenza. E così gli hard disk rischiano di diventare come quei cassetti stracolmi di roba inutile. La soluzione può essere altrove e abbiamo davanti due strade:

  • Per gli appunti e ogni documento scritto potete usare software come OneNote e Google Keep sono ottime soluzioni gratuite, mentre Evernote offre il piano completo per 6,99 euro al mese. Vi permettono di gestire il vostro archivio personale con etichette e sezioni, occupando poco spazio e in modo facile da raggiungere. In più permettono di inserire immagini, schizzi a mano libera e di sincronizzare il tutto con smartphone e tablet.
  • Le foto possono essere spostate su Google Foto (con funzioni di archiviazione intelligente molto potenti) o su Amazon Photos (gratuito per gli abbonati Prime). Se invece avete bisogno di qualcosa di più professionale Adobe Lightroom ha un’ottima libreria in cloud che vi permetterà di salvare immagini di grandissime dimensioni con funzionalità di ritocco avanzate, al costo di 12,99 euro al mese.

Oltre l’hard disk. Come scegliere lo spazio di archiviazione esterno. Oggi il personal computer non è più al centro dell’universo digitale. Smartphone, tablet, dispositivi indossabili e smart speaker sono sempre con noi. Allora, prima di lanciarsi nella scelta di un’unità esterna, capire per cosa verrà utilizzata diventa fondamentale.

  • I flash drive USB sono la prima opzione che viene in mente (i modelli Kingston sono tra i più affidabili ed economici: 128 gb costano meno di 20 euro). Ma hanno diverse controindicazioni: possono essere persi, formattati per sbaglio o finire nelle mani sbagliate. Oggi sono da consigliare solo come ripiego, se non c’è una connessione Internet. Negli altri casi meglio affidarsi al cloud, che vedremo tra poco.
  • Gli hard disk portatili non sono più un ripostiglio di file. Possono essere intesi come uno strumento per fare backup, un posto sicuro dove archiviare ricordi e file. E, magari, da tenere in cassaforte se ospita documenti preziosi. Unità come la Seagate Backup Plus Slim sono compatte e la versione da 1TB costa poco più di 70 euro.
  • Se volete condividere documenti su più dispositivi, RavPower File Hub è un’opzione interessante. È un dispositivo delle dimensioni di una saponetta che, per poco più di 60 euro, genera una rete wifi alla quale connettere computer, telefoni e tablet per scambiare file (verranno archiviati su una scheda micro sd).
  • Quando lo spazio davvero non basta, allora può aver senso investire in un Nas: si tratta di un’unità da collegare alla rete di casa, che permette di archiviare file, effettuare backup e accedere ai documenti anche dall’esterno. È come avere un cloud tutto per voi. I Nas possono ospitare anche 10 terabyte di spazio, ma la cifra da investire sale molto: una delle soluzioni base, la Synology DiskStation DS119j costa circa 100 euro, a cui bisogna aggiungere il costo di un hard disk (cioè 70 euro per un terabyte).

Niente spazio fisico: le soluzioni cloud. Sotto molti punti di vista, sono la soluzione migliore e più economica. Google offre 15 gb di spazio gratuito con il suo Drive, Microsoft 5 gb gratuiti con OneDrive, così come Amazon Cloud Drive e Apple iCloud. Dropbox invece si limita a 2gb. La maggior parte di queste soluzioni offre un upgrade a 100gb per circa 20 euro l’anno. Anche in questo caso, però, non è la quantità grezza di giga a fare la differenza, ma la comodità con la quale accederemo. Non ci resta che provare e scegliere l’interfaccia con la quale siete più a vostro agio. Con il cloud diventa ancora più importante usare una password sicura (su VoceArancio abbiamo raccontato come fare), per non farli trafugare dai criminali informatici. Dopodiché qui i file non rischiano di perdersi né di venire danneggiati dopo urti accidentali, come purtroppo può succedere con una unità esterna. In più queste soluzioni oggi offrono funzioni avanzate, per esempio vengono archiviate tutte le modifiche a un documento, che poi possono essere ripristinate a piacimento. E poi è possibile condividere al volo qualunque file senza doverlo trasferire su flash drive o allegarli via mail. Infine, tutto sarà accessibile in qualunque luogo, anche se avrete dimenticato uno dei vostri preziosi dispositivi.

E voi? Come gestite lo spazio d’archiviazione del vostro computer? Dove salvate file, foto e video? Raccontatecelo nei commenti.